La bruciata

bobo blaster

Per fare la bruciata vera, quella bella bella che mette a tacere diecine di auto in una manciata di secondi, bisogna usare alcuni accorgimenti di tipo tecnico e di tipo tattico.

Sì, ma che minchia è la bruciata?

Beh, innanzi tutto si fa con le auto, e solitamente nelle città per cercare di essere sempre in pul position al semaforo successivo.

Ovvio che se non hai urgenze, non la si fa, o al massimo viene accennata se quello davanti ha il cappello e due lenti così e tu non hai nel cruscotto una pistola.

Bene, allora quando si decide di farla, è importantissimo l’approccio;
con la coda a tre file che hai davanti che t’impedisce, con il suo flusso lento eternamente parallelo, di guadagnare posizioni ancorché, e questo t’innervosisce maggiormente, sei consapevole che se solo riuscissi a passare quella dozzina di auto davanti che avanzano in parata come carri armati, avresti davanti tutto un rettilineo deserto che ti porterebbe in qualche secondo a raggiungere le retrovie delle auto ferme al semaforo successivo, dove potrai fare un’altra bruciata e così via fintanto sia necessario…

La tattica:

arrivare sempre piano per non dar nell’occhio, ricordarsi quando ci si affianca ad un’altra auto, di non guardare mai il guidatore.
Bisogna assolutamente farlo prima, attraverso il lunotto ed i vetri laterali posteriori cercando di capire dall’età e dall’auto, se potrà cercare di opporre un’inutile resistenza o meno.
E’ altrettanto ovvio che dovrete analizzare sempre nell’approccio, che anche per questo motivo, si deve fare piano e silenzioso, tutte le altre auto: la loro posizione, il modello e se ce la fate, anche i guidatori.
Dato che è quasi sempre difficile poter fare la bruciata subito dal primo semaforo, l’approccio serve più che altro a rassicurare i tuoi vicini.
Mai farti notare da quelli più avanti che sono solitamente i paracarri più prepotenti e invece studiare le loro partenze e stile di guida fino al semaforo successivo cercando di eliminarne il più possibile con una guida corretta e pulitissima con le frecce per dar l’inpressione del rilassato ed arrivare al semaforo decisivo almeno in 3a, massimo 4 fila; nel frattempo dovrai aver rilevato ed analizzato anche il comportamento di quelle che ti troverai ancora in pur position e forse j’hanno sgamato.

La tecnica:

la prima regola è lasciare almeno un paio di metri tra te e chi ti precede, questa tra l’altro dev’essere una regola fissa per ogni pilota esperto: quando vi fermate per qualsiasi motivo dietro un’auto in coda, lasciaye sempre lo spazio per poterla scartare e togliersela dalle palle se s’incasina.
Questa regola inportantissima è normalmente disattesa dal 90% dei guidatori che invece di effettuare sempre questo fondamentale accorgimento, preferiscono per esempio allargare esageratamente l’entrata delle curve perchè pare, che la leggenda metropolitana inponga di farle così per guidare bene (le donne sono maestre in questa manovra, l’unica che fanno sempre!!).

Dunque, eravamo rimasti con il consiglio di lasciare sempre qualche metro tra sé e quello che ci precede in modo da verificare anche se s’avvererà il conportamento di guida degl’altri conducenti che avevamo tenuto d’occhio in precedenza.

Prima che scatti il verde, assicurarsi nuovamente di avere la prima marcia inserita.

Giallo al semaforo per chi c’incrocia….. mi preparo col piedino e ricontrollo le varie posizioni….

VERDE

Mai partire subito, non è un GP, è la bruciata, gl’altri manco s’immaginano che tu al prossimo semaforo sarai in pur position al posto loro che sono 3/4 d’ora che fanno a sportellate per mantenerla.

Le auto come previsto si sgranano proprio mentre dietro di te incominciavano a strombazzare.

Adesso hai una manciata di secondi per arrivare in testa prima che gli spazi creati dalla sgranatura delle partenze si ricompattino nella solita andatura parallela invalicabile.

In questi secondi TUTTO è permesso, a condizione che tu metta le freccie ogni volta che ti sposterai, non inporta se dalla corsia di sorpasso ti porterai all’estrema destra della strada per ritornare sulla sinistra dopo qualche decimo di secondo!! Nessuno sa durante la bruciata dove alla fine degli spostamenti uscirà: se a dx sa solo che sarà davanti a tutti e le freccie, gli serviranno per non prendere un sacco di legnate al semaforo successivo

La bruciata può essere fatta con qualsiasi auto meno che con la 2 cavalli.

Più l’auto sarà vistosa, più cercheranno di farti fallire.

Buon divertimento.


One Response to “La bruciata”

Leave a Reply

 

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.